Title:               Sama

 By:                  Matthew Shipp and Sabir Mateen

 Released in:   2009

 Format:          CD

 Catalog No:    MW 817-2

 Price :             12 EUR

Tracklist:

1. Sama 1

2. Sama 2

3. Sama 3

4. Sama 4

5. Sama 5

6. Sama 6

7. Sama 7

8. Sama 8

9. Sama 9

10. Sama 10

 

Line-up:

Sabir Mateen - reeds

Matthew Shipp - piano

 

Recorded March 10, 2009 at Roulette Studio, NYC

 

Reviews:

 

Pianist Matthew Shipp and multi-instrumentalist Sabir Mateen make for fascinating duet partners on this album, which is an eight part suite of completely improvised music recorded at the Roulette Studio in New York City. While Mateen plays a battery of instruments from saxohpone to flute, it appears that he sticks to clarinet throughout this recording. The high woody sound of the clarinet makes from a fascinating contrast with Shipp's often low and probing keyboard playing. Shipp's piano playing is clearly articulated and patient whether his is laying down a foundation for Mateen to improvise over, or engaging him in a head-to-head duet. Shipp lays down beautifully stark and dark toned chords and notes, and Mateen swirls and probes them in a natural and organic way. There is nothing forced about the music, the two work together seamlessly with a common goal and strategy in mind. The suite builds logically through a series of dynamic moods and textures, from fast paced free improvisation to long and low abstractions of melody and form. Both musicians are patient and sympathetic duet partners and they make music that has an open ended muse and graceful poise. 

 

(jazzandblues.blogspot)

 

*****

 

Non hanno bisogno di presentazioni particolari, Matthew Shipp e Sabir Mateen, che il pubblico italiano ha imparato a conoscere in questi anni come due tra i più originali e generosi esponenti della scena creativa nera newyorkese, sia nei tanti progetti che gravitano intorno a William Parker, che con i rispettivi gruppi. Questo lavoro li vede duettare in una lunga suite improvvisata per piano e clarinetto [Mateen rinuncia qui al suo naturale multistrumentismo per concentrarsi su un suono che trova empatie istintive con il legno del pianoforte], un lavoro che procede per architetture interne multiple e intrecciate, facendo risaltare di volta in volta le dinamiche più liriche o i momenti più ritmico/testurali. Chi conosce il linguaggio dei due musicisti non faticherà a ritrovare anche nelle otto parti di questo SaMa le caratteristiche che li rendono subito riconoscibili: la percussività e la spazialità del suono del pianoforte di Shipp, così come il sensuale ricercare di Mateen, il cui gesto sperimentale non è mai mosso verso astrazioni concettuali, ma si connette con semplicità all'urgenza del corpo sonoro. Un dialogo all'altezza delle aspettative, ricco di idee e di voglia di condividerle.

 

(Enrico Bettinello, All About Jazz Italy)

  • Facebook B&W
  • Tumblr Social Icon
  • Twitter B&W
  • YouTube Social  Icon
  • SoundCloud Social Icon

© 1998-2019 Not Two Records